Gli studi Medico-Scientifici dei principi FIR in italia sono stati coordinati dalla Prof.ssa Maurizia Botti, Politecnico di Milano con la collaborazione di

  • Universita’ di Genova – Ingegnere GianGuido Ramis
  • Politecnico di Torino – Professoressa Ada Ferri – Dottoressa Francesca Dotti
  • Istituto Centro Cardiologo Monzino – Equipe Professore PierGiuseppe Agostoni

LO STUDIO MEDICO-SCIENTIFICO FIR IN ITALIA!

POLITECNICO DI MILANO

CENTRO CARDIOLOGO MONZINO

POLITECNICO DI TORINO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA

Le Fasi dello studio

Lo studio e’ stato eseguito in due fasi di test in patch e test in vivo.

 

Il Prof. Gianguido Ramis, dell’Universita’ di Genova, ha diretto la prima fase dello studio presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica e Ambientale (DICCA).

Per i test “spettri infrarossi” a Trasformate di Fourtier (FT-IR) e’ stato preso in campione il tessuto Innergy a tecnologia FIR.

Il quale ha evidenziato una variazione della linea di base nell’intervallo spettrale da 1900 e 1700 cm-1, cio’ indica un maggiore assorbimento di radiazione da parte del tessuto a tecnologia FIR.

Tale comportamento e’ pienamente compatibile con la presenza di una sostanza inorganica incorporata alla fibra poliammidica, in grado di interagire, assorbendola prima e riemettendola secondo le normali regole di rilassamento del legame chimico, con una radiazione infrarossa compresa tra gli 800 e 2000 cm-1, ovvero comprendente la frequenza termica emessa da un corpo umano.

Tale esito ha dato una buona premessa per la prosecuzione dei test, passando così alla seconda fase, il test in vivo,
al fine di valutare l’effetto di capi d’abbigliamento prodotti con polimeri a tecnologia FIR sul corpo umano.

La seconda fase si e’ svolta al Centro Cardiologico Monzino ed e’ stata diretta dall’Equipe medica dal Prof. PierGiuseppe Agostoni, con la collaborazione del Politecnico di Torino, Prof.ssa Ada Ferri e Dott.ssa Francesca Dotti

Seconda Fase

Test in Vivo

 

Per la seconda fase dei test sono stati confezionati un totale di 20 capi, 10 a tecnologia Fir ed altri 10 in tessuto classico,  i test sono stati eseguiti seguendo la nota tecnica in “doppio cieco”, ovvero i volontari non erano a conoscenza di quale capo contenesse i biominerali.

Sia nella fase iniziale che nella fase finale i volontari hanno compilato un questionario, per determinare il comfort fisico percepito.


Di seguito i parametri analizzati:

– Parametri Medici:

  • Test da sforzo cardiopolmonare
  • Analisi della concentrazione del lattato nel sangue

– Parametri Legati al comfort:

  • Termo-fisiologico
  • Temperatura e umidita’ del microclima
  • Valutazione delle sensazioni soggettive

La valutazione dei parametri medici ha portato ad evidenziare un effetto benefico dei capi d’abbigliamento a tecnologia FIR in termini di tolleranza all’esercizio.

Infatti, i risultati ottenuti mostrano un aumento significativo del consumo di ossigeno al picco (VO2 peak), della produzione dell’anidride carbonica al picco (VCO2 peak), della soglia anaerobica (AT), della frequenza cardiaca alla soglia anaerobica (FC AT), del lavoro alla soglia anaerobica (W R AT) e al picco (WR peak), tutti indici di una migliore capacita’ di svolgere l’esercizio fisico

Cosa significa tutto cio’?

Significa che dall’analisi dei parametri, l’azione dei raggi infrarossi lontani sul nostro organismo, favorisce e garantisce un miglior trasporto dell’ossigeno ai tessuti muscolari, favorendo l’allontanamento delle sostanze di rifiuto degli stessi, si evidenzia inoltre, un aumento inferiore della concentrazione di lattato nel sangue, cio’ sta a significare che la soglia anaerobica sopraggiunge piu’ lentamente, rendendo possibile protrarre piu’ a lungo l’attivita’ fisica.

Dai risultati dei dati di temperatura ed umidita’ del microclima, non si ottengono significative differenze, cio’ significa che indossando capi a tecnologia FIR non vi e’ trasporto di calore ed umidita’ dal corpo verso l’ambiente.

Infine, l’analisi dei questionari ha evidenziato che il miglioramento di alcuni parametri fisiologici si traduce in un miglior comfort termo-fisiologico percepito con l’abbigliamento funzionalizzato con minerali naturali.

[/section]